Per preservare la salute intima, l’igiene quotidiana è importantissima: bisogna che la detersione rispetti l’ambiente vaginale che è determinato da tre fattori fondamentali strettamente interconnessi tra di loro:

 

1. Idratazione 

2. Microbiota vaginale

3. pH 

Idratazione

 

Le mucose hanno bisogno di essere idratate per essere in equilibrio. Situazioni come:

 

  • Allattamento
  • Menopausa
  • Assunzione di pillole a basso dosaggio estrogenico

 

possono andare a ridurre l’idratazione della vagina a causa della riduzione della quota degli estrogeni, creando una situazione di secchezza, fastidio e disturbo nelle relazioni sessuali.
 

La flora vaginale: un sistema delicato da proteggere

 

Una flora vaginale equilibrata è la principale difesa naturale dell'organismo contro le infezioni urogenitali. La vagina possiede una propria flora batterica, costituita da numerosi microrganismi. I più importanti sono i Lattobacilli, produttori di acido lattico, che svolgono il ruolo di una vera e propria “torre di difesa” contro alcune minacce che si possono sviluppare all’interno della cavità vaginale come: micosi, vaginosi batterica, ecc. Ci sono poi alcune problematiche che hanno origine esterne come: infezioni sessualmente trasmissibili, infezioni causate dalla flora intestinale, ecc.

 

Queste infezioni possono causare sintomi spiacevoli come:

  • Prurito 
  • Sensazioni di bruciore 
  • Irritazione
  • Odore sgradevole 
  • Secrezione insolita e abbondante 
  • Dolore durante i rapporti sessuali

 

La quota dei Lattobacilli e la variabilità dell’ambiente vaginale deve essere rispettata, perché le variazioni si manifestano come un’alterazione dell’acido lattico che provoca un cambiamento sia del pH, sia dell’idratazione vaginale, causando fastidi e discomfort. 

L’equilibrio del microbiota vaginale può essere influenzato da numerosi fattori come:

 

  • Igiene intima non adatta: troppo frequente, troppo aggressiva e/o utilizzando prodotti non adatti alla zona vaginale 
  • Cambiamenti ormonali: come gravidanza, menopausa, cambiamenti nei contraccettivi ecc..
  • Utilizzo di farmaci: ricordiamo primi tra tutti gli antibiotici con il loro effetto battericida che non sa riconoscere l’agente patogeno dal microbiota utile
  • Disordini alimentari: che creano disordine intestinale, alterazione del microbiota intestinale e di conseguenza del microbiota vaginale, così come lo stress o patologie intestinali primarie
  • Fumo

Il pH vaginale

 

Il pH vaginale è un parametro importante per verificare la salute dell’ambiente vaginale.

Nello specifico, il pH vaginale è un pH:

 

  • Acido: generalmente fluttua tra i valori di 3.8/4.5/4.7
  • Estremamente variabile da donna a donna
  • Variabile durante l’arco del ciclo mestruale: perché la quota di estrogeni che varia con il ciclo mestruale crea delle fluttuazioni anche del pH

 

In particolare, durante le mestruazioni, il pH della vagina aumenta diventando basico e sbilanciando la flora vaginale. Quando l'equilibrio naturale del microbiota vaginale è disturbato, il rischio di sviluppare infezioni urogenitali aumenta. È quindi particolarmente consigliato apportare lattobacilli per riequilibrare la flora durante questo momento chiave, in particolare grazie ai probiotici.
 

igiene intima quotidianamask

9 gesti quotidiani per un’igiene intima ottimale

 

Ecco cosa fare per una giusta detersione intima:

 

1. Lava la zona intima con un prodotto delicato senza sapone evitando gli antisettici, per un massimo di due volte al giorno al mattino e/o alla sera; un’igiene eccessiva può mantenere e/o causare le irritazioni delle parti intime.

2. Limita l’igiene intima all’area esterna (vulva e regione intorno all’ano).

3. Risciacqua bene per eliminare i residui del detergente intimo.

4. Evita le lavande vaginali che, oltre ad essere inutili, possono disturbare la flora intima.

5. Asciugati accuratamente.

6. Se necessario, applica un prodotto lenitivo.

7. Cambia la biancheria intima ogni giorno e sceglila di cotone anziché di tessuti sintetici o seta.

8. Evitare indumenti eccessivamente stretti che potrebbero causare attrito.

9. Cambia l’assorbente o salva slip regolarmente durante il ciclo.

Benessere

Condividi :

Facebook
Linkedin
test@tes.fr

Leggi anche: