Christian boiron giallo titolo.jpg

Christian Boiron

Christian Boiron nasce a Lione il 13 giugno 1947.

Nel 1970, appena conseguita la Laurea in Farmacia, comincia la sua avventura nell’azienda di famiglia. Nel 1976 diventa Direttore generale dell'azienda di famiglia e Presidente nel 1983. Nel 2005 chiede al fratello minore Thierry di rientrare dagli Stati Uniti per assumere la Direzione Generale del Gruppo, affinché lui possa dedicarsi anche allo sviluppo della filiale italiana di cui diviene Presidente e amministratore delegato nel 2006. A luglio 2011 diventa Direttore Generale del gruppo.

Dal 1989 al 1992 è stato vicesindaco di Lione (durante il mandato del sindaco Michel Noir), con delega allo Sviluppo Economico e Internazionale (1989 – 1992). Attualmente, è membro del Consiglio d’Amministrazione della facoltà di Medicina di Lione di cui è anche docente all’interno del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali.  

Scrive cinque libri:

 

Il management e la concezione sociale dell’impresa  

Nei primi anni di carriera nel gruppo di famiglia, la passione di Christian Boiron è il sociale e il concetto di azienda che lui interpreta come gruppo di persone da guidare e coordinare. Di lì a poco nasce la consapevolezza che il management e la medicina sono parenti stretti. Entrambi sono oggetto di una riflessione filosofica ed etica. Sia il management che la medicina si esercitano attraverso delle tecniche, attraverso un’arte. Infine il potere e la responsabilità sono due elementi chiave di entrambi gli ambiti. Christian Boiron diventa così un imprenditore più maturo, tanto da creare un nuovo metodo di management, ma anche una nuova concezione sociale dell’impresa: l’obiettivo di ogni azienda dovrebbe essere quello di rispondere a un bisogno della società e non semplicemente pensare al profitto. L’importante è garantire l’efficacia aziendale che si ottiene consentendo ai dipendenti di esprimersi serenamente e con fiducia. Più la persona è realizzata, più è felice nel suo lavoro e più il suo lavoro è efficace. Le dinamiche e i processi dell’azienda devono alimentare la creatività delle persone per poter raggiungere con successo gli obiettivi economici dell’azienda.  

 

L’omeopatia non è una medicina 

“L’omeopatia non esiste. Esistono i farmaci omeopatici, che sono una delle tante possibilità terapeutiche nelle mani dei medici” afferma Christian Boiron.   L'omeopatia apporta molto spesso soluzioni laddove l'allopatia non ne ha, come nelle infezioni ORL del bambino, le affezioni recidivanti quali la rinofaringite, i disturbi ansiosi ed emotivi, i disturbi del sonno, le patologie influenzali, le allergie stagionali. Christian Boiron crede fortemente sia arrivato il momento di indagare le possibilità dell'omeopatia nelle malattie gravi come il cancro, le malattie cardiovascolari, l'AIDS. L'omeopatia ha certo dei limiti, ma “dal momento che non li conosciamo ancora, è nostro obbligo moltiplicare le indagini cliniche; così come è nostro compito dare fiducia al medico per definire la strategia terapeutica più adatta al suo malato: allopatia, omeopatia, chirurgia, agopuntura, osteopatia, o una combinazione di queste terapeutiche che hanno, tutte, indicazioni e limiti propri. L'omeopatia solleva ancora degli interrogativi scientifici, ma apporta anche delle risposte concrete a livello medico. E' una delle vie di espressione della medicina, semplicemente”.


chiudi